Informati ora

Più basso di quello del 2020, quanto si abbasserà con gli scorrimenti?

In attesa dell’uscita degli elaborati personali, i candidati della prova dello scorso 3 settembre sono da giorni impegnati in calcolati sul proprio destino. La pubblicazione dei punteggi anonimi con codice etichetta su Universitaly ha permesso a tutti di fare un calcolo approssimativo del punteggio minimo necessario per il test di Medicina 2021. Quest’anno la cifra è 37,3 secondo tutti i siti di elaborazione più famosi.

Punteggi a confronto

Rispetto al 2020 (39,5) il punteggio minimo si è abbassato, a testimonianza della maggiore difficoltà del test di quest’anno. Bisogna ricordare infatti, che il Ministero dell’Università ha stabilito di concedere 1,5 punti di base a ogni candidato per l’errore commesso con la domanda 56 che non aveva tra le opzioni la risposta corretta. Quanto riportato dai tanti ragazzi fuori dalle università quel giorno – che riportavano notizie di una prova difficile e di alcune domande ambigue – si è confermato con il punteggio minimo fermo a 37,3. L’anno scorso c’erano anche meno posti, mentre il test di Medicina 2021 ne offre 14.120.

In attesa della graduatoria

Il calcolo di questo numero in ogni caso non può essere confermato totalmente fino all’uscita della graduatoria ufficiale, che sarà il 28 settembre 2021. Mentre il 24 settembre saranno pubblicati gli elaborati. Molta attesa anche per questa data, in quanto sui gruppi social in tanti lamentano un calcolo scorretto dei propri punteggi rispetto alle risposte che ricordavano di aver dato. Solo guardare il proprio elaborato scioglierà tutti i dubbi.

Gli scorrimenti

Ovviamente il punteggio minimo per il test di Medicina di quest’anno ad oggi è calcolato solo sui posti ufficiali, non sugli scorrimenti. Solitamente dopo la pubblicazione della graduatoria si comincia con scorrimenti a partire dal 6 ottobre e di settimana in settimana fino alla fine di immatricolazioni e rinunce. Per esperienza e tempistiche è probabile che il punteggio minimo scenda di un punto e mezzo massimo e permetta quindi anche a chi è di poco sotto quello calcolato di avere un posto.