Informati ora

Alcune domande del test di Medicina potrebbero essere sbagliate. I social fremono, ma il problema è già arrivato in Parlamento. Migliaia di candidati che hanno sostenuto la prova, da cinque giorni si confrontano sui tanti gruppi creati appositamente, e più esaminano le domande, le risposte e le soluzioni e più si convincono che c’è qualcosa che non va.

Domande sbagliate al test di Medicina, le segnalazioni

Da giorni infatti anche lo sportello informativo Numero chiuso ed il numero verde 800189091 sono presi d’assalto: i candidati vogliono conferme, certezze e, soprattutto, giustizia. Perché da quel test dipende il loro futuro, e non possono essere degli errori del Ministero dell’Università a creare ulteriori ostacoli ad un percorso che è già di per sé complicato.

Quali sono le domande sbagliate al test di Medicina

Sarebbero in particolare le domande 21 e 23 a presentare criticità. Ma anche i quesiti 2 e 28 risulterebbero ambigui. Parliamo di domande di logica e di biologia che risulterebbero formulate male o che presenterebbero più di una risposta corretta tra le cinque fornite.

Il Ministero dell’Università, da quanto si legge sui giornali, starebbe verificando l’accaduto, ma è chiaro che se gli errori venissero confermati migliaia di candidati farebbero valere i propri diritti presentando ricorso ai tribunali amministrativi. Anche perché, proprio pochi mesi fa il Consiglio di Stato ha accolto le istanze dei ragazzi che si erano affidati a Consulcesi consentendo loro di iscriversi definitivamente ai corsi di laurea in Medicina.

L’interrogazione parlamentare dell’on. Tuzi

Ma la situazione è talmente attenzionata che l’onorevole Manuel Tuzi (Movimento Cinque Stelle) ha presentato un’interrogazione parlamentare alla Ministra dell’Università Maria Cristina Messa: «Ho depositato un’interrogazione alla ministra Maria Cristina Messa per far luce su quanto sta preoccupando migliaia di studenti e studentesse che hanno partecipato ai test di ingresso nelle Facoltà di Medicina: la presunta presenza di quesiti errati e di risposte non abbinate correttamente», spiega Tuzi in un comunicato.

«In particolare – aggiunge il parlamentare – sembrerebbero essere due le domande incriminate: la 21 e la 23 ma potrebbero essercene ulteriori. Questo sarebbe un grave problema per gli studenti, che vedrebbero alterato il punteggio finale. La presenza di domande errate influirebbe sulla graduatoria e sulla possibilità o meno di accedere al corso di laurea».

La ministra dell’Università: «Annulleremo le domande sbagliate»

Sul tema è intervenuta anche la ministra dell’Università Maria Cristina Messa: «Le graduatorie devono essere fatte tenendo conto degli errori, annullando le domande o comunque quelle che sono sotto verifica», ha detto a Radio Capital.

Test Medicina 2021, che caos

Insomma, ci mancavano le domande sbagliate nel test di Medicina a rendere questa edizione della prova di ingresso ancora più caotica: tra Green pass non riconosciuti e i soliti furbetti che hanno provato a copiare da smartphone o bigliettini nascosti nei punti più improbabili, non è certo questo il sistema migliore per selezionare la futura classica medica del Paese.