%
studenti soddisfatti
dal 2000
consulenti legali
a tua disposizione
milioni riconosciuti
alla classe medica

Testimonianze


In questi anni ci siamo recati nelle facoltà di tutta Italia durante i giorni dei test di ammissione, per essere vicino agli studenti e raccogliere le loro opinioni e segnalazioni.
Ecco le testimonianze rilasciate da alcuni ragazzi che hanno appena concluso il loro test di ammissione a numero chiuso in Medicina:

Matilde Morirgi

Università degli Studi di Milano

Sono fortemente contro i test di ingresso all’università durante l’anno scolastico, specialmente in un periodo dove tutti corrono all’estero per laurearsi. I criteri troppo selettivi portano solo soldi all’estero.


man_avatar

Serena Menparelli

Università degli Studi di Perugia

Il test dovrebbe essere fatto dopo il primo anno accademico, sulla base del MERITO! Fare una selezione degli studenti con maggiore crediti totalizzati nell’anno, esami dati, e media.


man_avatar

Cesare Toparini

Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”

Credo che il test non sia utile e che la scelta delle domande dovrebbe essere rivista in funzione del tempo dato


man_avatar

Giulia Cimarelli

Università degli Studi di Perugia

Sempre poco tempo soprattutto per quanto riguarda le domande di logica. Meno speranza dell’anno scorso visti i tremila posti in meno.


man_avatar

Corrado Landolina

Università degli Studi di Perugia

Il test, in quanto incostituzionale, andrebbe eliminato prima di domani. Senza contare che, per qualunque ragazzo, entrare in un’università significa imparare e studiare ripartendo da zero; quindi dovrebbe essere comunque un suo diritto.


Milena Chiarelli

Università degli Studi di Perugia

C‘è molto giro di denaro intorno ai test. Con questa tipologia di esame, studiare non serve a niente perché è tutta questione di fortuna e raccomandazioni.


Danilo Delle Noci

Università degli Studi di Milano

Non concordo con i test di ingresso in materia di università a numero chiuso, in quanto lo reputo un sistema discriminatorio nei confronti di chi, per motivi personali e/o economici, non può prepararsi adeguatamente per affrontare il test.