Informati ora

Con la Legge di Bilancio si chiude l’anno e si apre Medicina

Sono migliaia i candidati rimasti esclusi dalla facoltà di Medicina a seguito del test d’ingresso dello scorso 3 settembre. Una situazione particolarmente grave considerando che in Italia mancano all’appello 56mila medici. Senza contare le gravi irregolarità verificatesi durante le prove. Per questi studenti c’è però ancora un’opportunità di far valere il loro diritto allo studio. È infatti stato presentato un emendamento alla Legge di Bilancio che permetterà l’accesso con riserva a chi avrà fatto ricorso al Tar negli ultimi tre anni. La soluzione legislativa prevede un ampliamento delle borse di studio sia per gli studenti in entrata a Medicina sia per quelli della scuola di specializzazione. Il che consentirà di scongiurare il tanto temuto “imbuto formativo”.
GUARDA GLI INTERVENTI DELL’ ON.DE FILIPPO E DELL’ ON.DI MAIO.

Le irregolarità denunciate dai candidati

Queste le principali segnalazioni di irregolarità durante lo svolgimento del test d’ingresso:

– plichi aperti e sorteggi sospetti
– risposte modificate
 durante la consegna del compito e a tempo scaduto
– smartphone in aula
– domande simili tra i test di Medicina e quelli di Veterinaria del giorno prima
– mancato rispetto delle norme anti-Covid

Quando e perché fare ricorso

Il ricorso al TAR va presentato entro 60 giorni dalla pubblicazione della graduatoria o da eventuali scorrimenti.
In caso di accoglimento dell’istanza cautelare, il candidato potrebbe avere la possibilità di iscriversi con riserva e frequentare i corsi fino all’esito della domanda di merito.

Compila il form per ottenere una prima consulenza gratuita e in più ricevi il memorandum con tutti i dettagli.

La persona da contattare per informazioni è lo studente?
Grazie per averci contattato
Ti abbiamo appena inviato al tuo indirizzo email il memorandum.


Un nostro consulente ti ricontatterà il prima possibile per offrirti tutta l'assistenza di cui hai bisogno e procedere con una valutazione gratuita della tua posizione.

Per saperne di più sulle concrete possibilità di fare ricorso i nostri 1.000 consulenti sono sempre a tua disposizione al numero verde. In alternativa COMPILA IL FORM e sarai ricontattato